L’uomo di Cirene

simone di cirene.jpg

 

Grida di lamento cadenzano il cammino.

Un corteo di gran folla attraversa le vie di Gerusalemme,

accompagna l’Innocente sul Calvario della storia.

La gente ai lati della strada ignara dell’evento

assiste all’ennesimo spettacolo di forza e di violenza.

Mentre il Nazareno,

per il peso del patibolo sulle ferite della flagellazione,

crolla per ben tre volte nella polvere dell’umanità.

Ma chi confida nel Signore non resta deluso.

Un uomo che ritornava dai campi

dopo una giornata di sudore e fatica,

conosciuto dai più con il nome di Simone di Cirene,

dal cuore generoso, lento all’ira ma grande nell’amore,

passava, quasi per caso, quel giorno dal crocevia del Cranio

in cui si riscopriva come l’uomo della provvidenza,

l’uomo del pronto soccorso.

j0400145.jpg

Gli misero addosso il patibolo della croce,

un impegno imprevisto da portare dietro a Gesù.

Così senza saperlo alleviava solo per un attimo

le sofferenze del Dio della Storia,

del Dio che prende volto nei volti dei condannati,

dei soli e abbandonati,

dei poveri e diseredati

degli ultimi ed emarginati …

dei giustiziati.

Così senza saperlo diventava

il padre di coloro che si trovano

una croce sulle spalle

non voluta né scelta ma imposta o “donata”

dal potere militare, politico, economico e religioso.

Così senza saperlo, Simone, oriundo di cirene

diventava l’immagine di coloro

che subiscono soprusi, oppressioni e ingiustizie

senza capirne il senso.

I suoi occhi arrossati dal dolore

si posavano sul re inerme ed indifeso,

debole e fragile

custodendo nel cuore

quelle parole che risuonavano in lui

stranamente sin dal primo mattino:

“Dio ha scelto ciò che nel mondo è debole

per confondere i sapienti”.

Giunti sul luogo della morte

crocifissero il “re dei giudei”

in mezzo a due malfattori.

Lo sguardo attonito dei presenti,

le grida di lamento

miste a quelle di derisione e di oltraggio,

La notte della natura in pieno giorno,

il silenzio degli amici,

le ultime parole dei condannati di provocazione e di speranza

le ultime parole del Condannato di perdono e fiducia,

confermavano in molti, così come in Simone,

la certezza che quell’uomo era veramente il Giusto.

j0427607.jpg
Terza puntata ______ Tra noi uno di noi

j0313878.jpg

L’uomo di Cireneultima modifica: 2009-04-08T14:45:00+02:00da alcoesolume
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento